Crea sito

TEMPTATION ISLAND 2018: LARA E IL REALITY, L’INEDITO “DO UT DES”

TEMPTATION ISLAND 2018: IL PIACEVOLE GUSTO DELLA RIBELLIONE

Come accettando di partecipare a “Temptation Island” si finisca per rimanere vittime del tritacarne mediatico che ne consegue se ne era già ampiamente parlato in questo articolo. Così come del perché non bisogna meravigliarsi se dopo cinque edizioni gli “ignari” concorrenti continuano inesorabili a cadere negli stessi tranelli autoriali che si susseguono da anni. Inconsapevolezza? Scarsa conoscenza del mezzo televisivo? O puro esibizionismo? Ormai chiederselo non vale neanche più la pena. Al contrario fa piacere, anche se capita molto raramente, quando qualcuno, invece di farsi padroneggiare, dimostra di essere in grado di sfruttare la macchina “Temptation Island” a suo favore per uscirne bene, anche e soprattutto a discapito altrui.

È il caso di Lara, fidanzata di Michael che stando alle anticipazioni nell’appuntamento di questa sera sbugiarderà definitivamente il suo compagno organizzandogli, in accordo con la produzione, un appuntamento che lui pensa essere senza telecamere. Niente di nuovo, certo. Un escamotage già visto in passato: in un contesto come questo, si sa, le telecamere nascoste sono particolarmente funzionali a soddisfare la sete di morbosità del telespettatore. Ma quello che non deve sfuggire all’occhio di chi guarda con attenzione al “dietro le quinte” e al lavoro autoriale di costruzione della narrazione sono le reazioni e gli atteggiamenti della ragazza stessa.

A voler pensare male Temptation Island per Lara è molto più di una vetrina: è l’occasione per riscattarsi, almeno mediaticamente, delle sofferenze patite in una relazione che scricchiolava già da tempo, ben prima di essere esplorata nel reality. Lara per ora mostra solo delusione, rabbia: non si lascia travolgere da lagne e piagnistei a differenza delle sue compagne d’avventura: in questo sta la sua forza che, ci si augura, riesca a conservare fino alla fine. A guidarne le azioni sembra essere un refrain che più o meno suona così: “Ecco chi sei davvero, ecco cosa ti sei perso e ora lo mostro a tutta Italia”. Tradotto: una vendetta in formato televisivo, quasi studiata per servire più a se stessa che al reality in sé. 

Non solo: Lara parla efficacemente ai social. Le sue reazioni sembrano nascere per alimentare il mondo delle gif: c’è da scommettere che al falò di confronto non sarà da meno. Non si sa dove finisca la spontaneità e dove inizi la costruzione: probabilmente non si saprà mai. Così come mai si saprà se il piano delle telecamere nascoste sia stato suggerito da qualche autore o sia davvero frutto di una sua naturale richiesta. Quel che è certo è che Lara per diversi aspetti risulta essere una figura a suo modo inedita per il reality, dotata di uno spiccato fiuto televisivo che ha saputo utilizzare a proprio vantaggio, senza farsi travolgere dai meccanismi del reality stesso diversamente da molti altri concorrenti che hanno preso parte al programma nella sua storia.

L’auspicio è che sul finale lei stessa non si riveli una delusione e che possa continuare a incarnare, anche dopo l’epilogo, quanto sta esprimendo in queste settimane. Perché, nonostante quanto mostri in più occasioni Temptation Island, se è vero che in nome dell’amore c’è chi è disposto a perdonare ripetutamente tradimenti fisici e soprattutto verbali, c’è anche chi non ci sta e sa come farsi valere. Crederlo per una volta, o anche solo averlo fatto credere in queste settimane, è già di per sé una piccola, grande vittoria.  

1 Risposta

  1. niki dls ha detto:

    Bell’ articolo