Crea sito

ANTEPRIMA: THE FOUR ARRIVA IN ITALIA, PRODUCE MAGNOLIA

Risultati immagini per blue ring the four reality

È Magnolia ad accaparrarsi per l’Italia The Four: Battle for Stardom. La notizia arriva dal MIPTV in corso a Cannes dove il format, venduto in 18 Paesi, è in gara nella categoria “Best Competition Reality Format” degli International Format Awards 2018. Basato sul format israeliano The Final Four, il talent-show punta a rivoluzionare il genere invertendo il meccanismo. Invece che partire dai casting, come accaduto fin da ora, si comincia dalla finale dove di solito approdano i migliori talenti: in questo caso sono quattro, selezionati dai migliori produttori ed esperti musicali del Paese. Il loro obiettivo sarà quello di difendere il proprio posto che altri aspiranti candidati cercheranno di rubare.

The Four si divide in due round distinti: nel primo gli sfidanti devono guadagnarsi il loro posto esibendosi dal vivo di fronte al pubblico, alla giuria e a “I quattro”. Dopo la performance, i giudici decidono il loro destino attraverso anelli di colore diverso: i quattro anelli blu rappresentano un SI unanime dato dalla giuria e lo sfidante avanza al turno successivo della competizione. Un anello rosso dato allo sfidante indica invece un “No”, che gli impedisce di proseguire. Gli artisti che passano il turno possono competere con un membro dei “Quattro” per il loro posto in una battle, dove lo sfidante e il membro “The Four” cantano l’uno contro l’altro. One shot, one kill: solo una esibizione deciderà l’esito della sfida. Sarà il pubblico in studio a votare chi merita il posto tra i “Quattro”: il vincitore blocca il proprio posto per il resto della puntata e non può essere sfidato fino alla settimana successiva.

Questa in sintesi la formula di “The Four”, che in America dove viene trasmesso su Fox è già stato riconfermato per una seconda stagione: mesi fa si parlò di un arrivo del format originale israeliano su RaiUno, ma non se ne fece nulla. Ora non resta che sapere quale rete sarà intenzionata a trasmetterlo. Ma c’è davvero bisogno dell’ennesimo talent-show?