Crea sito

UN MEDICO IN FAMIGLIA, MARGOT SIKABONYI: “UN ROBOT DA SET, AI PROVINI MI DICONO POI VEDIAMO…”

Margot Sikabonyi, meglio conosciuta come Maria Martini di “Un Medico in Famiglia”, oggi pomeriggio è stata ospite di Bianca Guaccero a “Detto Fatto”, il talk show di Rai2. La protagonista della serie cult di Rai1, andata in onda dal 1998 al 2016 e che ha letteralmente cresciuto Margot, non ha più avuto ruoli da allora.

Dopo un periodo di crisi personale, con il personaggio di Maria che aveva quasi preso il sopravvento su Margot, l’attrice è diventata mamma, si gode la sua bella famiglia, è insegnante di yoga e ha scritto un libro sul tema ma non ha affatto messo da parte la carriera di attrice. Il perché non l’abbiamo più vista in una fiction lo ha spiegato lei stessa nel salotto della Guaccero.

È stata una meravigliosa prigione dorata, mi ha dato tantissimo. Sono diventata un meraviglioso robot da set. Mi ha messo subito a contatto con la realtà di questo lavoro, ma mi ha distaccato dai miei coetanei e non mi ha dato la possibilità di fare altro. Continuo ancora adesso a fare provini e mi dicono: vabbè, poi vediamo…

Un successo travolgente per una ragazzina che di colpo entra nelle case di milioni di italiani, diventando una delle attrici più amate e popolari tra i giovanissimi. Non è semplice gestire queste situazioni e il rischio di identificarsi troppo nella parte è alto, con tutte le conseguenze del caso. Margot oggi ha fatto “pace” con Maria Martini ma ha vissuto momenti non semplici.

È stato essenziale staccarmi perché dovevo trovare me stessa. C’è stato un momento che stavo proprio male. Avevo un malessere addosso. Sono cresciuta con Maria nell’adolescenza, non avevo chiaro chi fossi come persona e come artista.

Sperando che uno dei prossimi provini a cui prenderà parte possa tradursi in un ruolo per una fiction, Margot Sikabonyi si dedica intanto alla famiglia e allo yoga. Ha fatto “pace” con i problemi del passato, però se i suoi figli volessero recitare così giovani:

Devono passare sul mio cadavere ma tornando indietro non cambierei niente. Se sono qui è grazie a quello. Sono consapevole, felice e con tante belle ferite. Io sono sopravvissuta, non so se loro riuscirebbero a sopravvivere.