Crea sito

UN CICLONE IN CONVENTO: DOPO 20 ANNI CHIUDE PER SEMPRE LA STORICA SERIE TEDESCA

Sorella Hanna e il sindaco Wöller

La prossima primavera sarà l’ultima per “Un Ciclone in Convento” (Um Himmels Willen). E’ notizia di giorni che la tv pubblica tedesca, l’ARD, ha annunciato che la serie di successo di lunga data si avvicina alla fine definitiva. Stop quindi anche alla non più eterna faida tra il sindaco Wöller e le suore del convento di Kaltenthal. I fans tedeschi (e non solo!) devono attendere i 13 nuovi episodi della 20^ stagione per assistere alla conclusione delle vicende, dopo un totale di 260 episodi e quattro lungometraggi in 20 anni. Proprio oggi terminano per sempre le riprese di questa serie cult.

Crediamo fermamente che ci si debba fermare sul più bello. Dopo 20 anni con 260 episodi di “Un Ciclone in Convento“, è tempo di novità“, afferma Jana Brandt, produttore esecutivo e capo del team editoriale congiunto per le serie ARD del prime time. “Il mio più grande apprezzamento per il team di “Un Ciclone in Convento“, per tutti coloro davanti e dietro la telecamera per oltre due decenni. A nome dell’intera ARD, vorrei ringraziare Fritz Wepper , Janina Hartwig , tutti gli altri attori, gli autori, i registi e la nuova compagnia cinematografica tedesca ndF per questo lavoro eccezionale. Prometto che il finale di serie sarà spettacolare!

Sorella Hanna e il sindaco Wöller

La “faida” in corso tra Fritz Wepper come sindaco Wolfgang Wöller e Janina Hartwig come sorella Hanna ha entusiasmato milioni di persone per molti anni. Nella passata stagione, una media di quasi cinque milioni di spettatori erano sempre davati la tv per le loro assurde e simpatiche diatribe. Nel corso degli anni abbiamo assistito a scambi di colpi amorevoli per il monastero di Kaltenthal. Wepper e Hartwig sono supportati da molti altri colleghi che hanno si sono alternati nel convento per molti anni. Attori come Andrea Sihler (sorella Hildegard), Lars Weström (l’agente Meier), Emanuela von Frankenberg (sorella Agnes), Karin Gregorek (sorella Felicitas) e Andrea Wildner (la singnora Laban) presenti fin dal primo episodio del 2002.

Sorella Lotte e il sindaco Wöller

Fino all’episodio 65 (quinta stagione), Jutta Speidel è stata l’indimenticabile sorella Lotte, temibile avversaria per il sindaco Wolfgang Wöller. Successivamente, Janina Hartwig ha assunto il ruolo di sorella Hanna dalla sesta stagione. Numerose le gag tra i due: quasi ogni stagione si conclude nel 13° episodio con un grande galà di beneficenza, organizzato dalla signora Dornfelder (Katharina Blaschke), durante il quale il sindaco Wöller e sorella Hanna hanno sempre dato vita a esibizioni comiche ed esilaranti. Inoltre, ogni episodio della stagione termina con Wolfgang Wöller e sorella Hanna uno di fronte all’altra, con un serrato e breve scambio di battute. Poi, la scena viene messa in pausa e iniziano i titoli di coda.

Sorella Hanna e il sindaco Wöller con madre Theodora, Agnes e Felicitas

Negli anni “Un Ciclone in Convento” ha ricevuto numerosi premi, tra cui il German TV Prize, il Golden Hen e il Bambi. Nel 2006, Fritz Wepper e Jutta Speidel hanno ricevuto un premio televisivo bavarese per i loro ruoli principali. Inoltre, la serie si è rivelata un successo per le esportazioni ed è ancora in onda in Italia, Ungheria e Danimarca. La serie è una produzione di ndF: neue deutsche Filmgesellschaft mbH per conto di ARD.

Il debutto italiano risale al 2004 in prima serata su Rai1 ma, poi, fu spostata in day time. Dal dicembre 2015, invece, è passata a Rai2 che l’ha collocata nel mattino feriale o festivo, con consensi molto buoni. La serie tedesca è stata sempre piuttosto all’avanguardia su molti temi sociali, che nel nostro paese sono stati anche censurati, come la relazione lesbo durante la settima stagione (2008), il matrimonio omosessuale in convento (2011), cyberbullismo (2015), relazione omosessuale tra un musicista e un pastore della Chiesa Evangelica (2015)…

Addio ad una produzione che anche in Italia ha un po’ di aficionados, nonostante una programmazione mai regolare.

7 Risposte

  1. Ital ha detto:

    Leggo con piacere ….dopo tanto un post…del caro Markos …

  2. Ital ha detto:

    Ormai …un cult …tra le serie tv europee….
    Peccato per alcune evitabili e stupide censure su alcuni temi …nella trasmissione italiana ….

  3. Markos ha detto:

    Serie TV che ha sfornato parecchie perle….

    Wöller che chiama Mamba nero le varie madri superiori, i siparietti esilaranti tra lui e la signorina Laban. E poi anche la pazzia di Stolpe, il buffone Maier, le mitiche dipendenze di Felicitas!

    C’era da divertirsi! In Italia comunque mancano ancora due stagioni inedite per la fine.

  4. Everglow ha detto:

    Bellissima serie
    La guarda ogni tanto anche mio padre, che guarda solo film e mai serie TV (tranne questa e l’amica geniale), i siparietti tra il sindaco e la suora lo fanno divertire ghgh

  5. LucaG ha detto:

    Bellissima questa serie

  6. Bubino ha detto:

    Quanti bei ricordi!

  7. Mario Parisi ha detto:

    Adoro questa serie