Crea sito

#UOMINIEDONNE: L’INGENUITÀ DELLO STUPORE

#UOMINIEDONNE: L'INGENUITÀ DELLO STUPORE

L’AFFAIRE SARA AFFI FELLA A #UOMINIEDONNE: CI SI STUPISCE ANCORA?

Dopo oltre venti anni di programmazione, siamo ancora qui a stupirci se una ragazza appena ventenne partecipa a Uomini e Donne più per visibilità che per il reale desiderio di incontrare l’anima gemella? Quanta ingenuità. Per quanto sia giusto colpevolizzare Sara Affi Fella, non lo è altrettanto condannarla.

In base a quanto emerso, non c’è dubbio che abbia sbagliato. Non fosse altro perché ingannare i telespettatori della trasmissione e soprattutto i propri fan è già di per sé una mancanza di rispetto. Per qualsiasi personaggio pubblico e ancor di più per chi lo è pur non possedendo alcun merito artistico.

In tutto ciò, quello che rischia di sfuggirci, persi nella frenesia di commentare quanto accaduto e soddisfare la sete di giustizia a colpi di defollow, è che Sara non ha fatto altro che giocare la sua partita. Male, possiamo dire ora. Perché Uomini e Donne è prima di tutto un programma televisivo. E come tale che, per quanto finalizzato a formare coppie, ha come obiettivo primario, quello di macinare ascolti. Parteciparvi implica quindi sancire con lo staff del programma un patto che vincola entrambe le parti a un reciproco “dare e avere”: tu mi dai visibilità, io ti faccio fare ascolti e viceversa.

Non si può fingere non sia così e va tenuto in conto sempre, anche e soprattutto quando emergono verità scomode come queste e si arriva a parlare di “fiducia tradita”. Sara non è stata, non è e non sarà l’unica. Chissà quanti sotterfugi sono rimasti sconosciuti al pubblico. E di questo la redazione non può sorprendersi, così come neanche i telespettatori. D’altronde Uomini e Donne si alimenta anche di dinamiche come questa. La mise-en-scène dello screditamento di un personaggio, crea da sempre discussione e gonfia lo share. Per giunta, una storia ornata di dettagli tragicomici come l’amante nell’armadio (che fa molto sexy-commedia anni Settanta). Ma il programma ne esce altrettanto bene anche in termini di credibilità?

4 Risposte

  1. Gian! ha detto:

    E tutto un gran mah e vi spiego anche ora la mia riflessione in merito a tutto questo… sara ha sbagliato nilufar ha sbagliato ma si stanno facendo due pesi e due misure con nilufar non ce stato tutto questo processo cosa che a sara si sta facendo… sara ha sbagliato ha ingannato tutti ma non merita tutto questo accanimento si tratta sempre di una ragazza di 20 anni che ha fatto una gran cavolata! Per non parlare di chi sceglie i tronisti se la vanno cercando.. ora dico io perché non scegliere ragazzi più umili?? Ragazzi normali che fanno un lavoro più normale che ne so un barbiere una commessa perché scegliere persone che bene o male hanno fatto tv…

  2. Lucio Voreno ha detto:

    il programma è da tempo che ha perso credibilità, diventanto anche pericoloso con concorrenti marionette della redazione che fa e disfa a uo arbitrio

  3. Gian! ha detto:

    Beh sui social non si parla d altro (giustamente) però quello che un Po mi dispiace definirla “feccia umana” da gianni sperti non è giusto ha sbagliato e si prende le conseguenze ma ci dobbiamo ricordare che ha 20 anni e che di sbagli se ne fanno…

  4. Prisco ha detto:

    Io sono sempre stato un grande sostenitore di Sara. L’ho sempre molto apprezzata e devo dire che ho iniziato a guardare U&D grazie a lei….perchè mi piacque molto a Temptation e quindi decisi di seguire anche il suo percorso a U&D…..l’ho sempre proposta nei miei fantacast di Isola e Gf Vip…..ma a questo punto mi è scesa tantissimo…..molto più di Nilufar…..