Crea sito

#VERISSIMO: BILANCIO STAGIONALE 2017-2018

[line]Il bilancio di Verissimo – a cura di LucaG[line]

Buono inizio di settimana, cari lettori di BubinoBlog! Dopo mesi di assenza per molteplici impegni lavorativi torno a scrivere per voi. Vi leggo e supporto tutti i giorni e nuove sorprese sono in arrivo. In questo articolo ho deciso di parlare di Verissimo, il contenitore settimanale del sabato pomeriggio di Canale 5 condotto da Silvia Toffanin, terminato con il botto d’ascolti due sabati fa.

Questa stagione televisiva è stata quella della svolta, iniziata con una grande perdita ovvero quella di Franco Tuzio, conosciuto da tutti come Franchino, manager della padrona di casa e di alcuni artisti del dietro le quinte del salotto televisivo di Canale 5. Questo forte lutto è stato una scossa per far meglio in memoria di Franchno. Gli autori hanno lavorato sodo e cercato di portare in studio storie di protagonisti non consueti ai salotti televisivi.

Oltre allo spazio riservato ai reality e aver ospitato in studio le loro riunion con i prostagonisti, tra le storie che hanno lasciato il segno personalmente vi sono la bellissima chiacchierata tra Silvia Toffanin e Loretta Goggi, icona dell’intrattenintento e recitazione italiana, che dopo moltissimi anni ha rimesso piede in una trasmissione Mediaset decidendo di raccontare a 360 gradi la sua carriera di artista e la sua vita privata, prima e dopo la scomparsa del suo amato marito Gianni Brezza.

Un’altra bella parentesi della stagione è stata il racconto a cuore aperto di Michelle Hunziker che, in occasione della presentazione del suo libro Una vita apparentemente perfetta, ha deciso di descrivere e di condividere con tutta l’Italia attraverso le domande guide della sua amica Silvia il momento più brutto della sua vita, ovvero quando è stata vittima di una setta. Un momento che rischiava un effetto “sciacallo” ma, grazie alll’impostazione autoriale e all’approcio della padrona di casa, non lo è stato affatto è stata l’ultima intervista della stagione a Elena Santarelli che, per la prima volta dopo l’annuncio dello scorso inverno, ha raccontato della battaglia che il suo bimbo sta affrontando in questo periodo.

In molti in questi anni hanno sempre detto peste e corna su Silvia. Io non sono solito scrivere lodi pubbliche ma sono anche per il dare a Cesare quel che è di Cesare. Devo ammettere che è cresciuta molto professionalmente e che se il suo programma viene scelto da artisti diffidenti ai racconti in pubblico della propria vita artistica e privata. In Silvia ritrovano una persona sincera che al centro del racconto mette il suo ospite e non se stessa. E’ stato importante sul finale di stagione il racconto in diretta del matrimonio reale d’Inghilterra che per la prima volta ha visto ja Toffanin affrontare la prova più difficile per un conduttore, ovvero la diretta.

Un grande applauso finale va fatto alla squadra tecnica ed in particolare alla redazione e agli autori che lavorano sodo per confenzionare ogni settimana oltre di 2 ore di eleganza e spensieratezza per il pubblico di Canale 5. Buone vacanze Verissimo, arrivederci a settembre!

1 Risposta

  1. Prisco ha detto:

    Silvia è stracriticata per la sua questione familiare ma per me è una delle conduttrici più rappresentative della televisione italiana. È amica di tutti, un poco come la Marcuzzi, ed è una persona che riesce a far uscire la parte più bella delle persone. Mi piace molto il suo modo di intervistare